Le parole della sostenibilità e il suo alfabeto: B… Biodiversità

La biodiversità o diversità biologica è la più grande ricchezza che abbiamo. Purtroppo la diversità naturale è in diminuzione a ritmop veloce. Occorre cambiare tendenza lavorando con la natura.

0
84
biodiversita sostenibilita permacultura

La biodiversità o diversità biologica è l’insieme degli ecosistemi e degli esseri viventi, animali e vegetali, che popolano il nostro pianeta. Forse non ci abbiamo mai riflettuto abbastanza, ma questa diversità è una delle più grandi ricchezze che abbiamo!

Purtroppo invece accade che la diversità naturale è in diminuzione e il suo declino è veloce e continuo. Secondo l’IUCN (Unione internazionale per la conservazione della natura), più di un terzo delle specie di fauna e flora conosciute nel mondo sono a rischio di estinzione: il 21% dei mammiferi, il 70% delle piante, il 35% degli invertebrati.

Secondo la Fao il 75% delle varietà vegetali è perso, irrimediabilmente.

Negli Stati Uniti si arriva al 95%. Ci troviamo di fronte a una vera e propria estinzione di massa e la maggiore responsabilità di questa perdita globale è dovuta alle attività umane. Deforestazione, urbanizzazione, cementificazione del paesaggio, agricoltura intensiva, inquinamento e cambiamento climatico portano alla distruzione e alla frammentazione degli ambienti naturali. Le maggiori perdite si riscontrano proprio in quelle aree più fragili, che sono poi le più ricche in biodiversità.

C’è la necessità di invertire questa tendenza, lavorando con e non contro natura. Allora partiamo col ricostruire i legami tra le persone e la terra, scegliendo soluzioni locali che ottimizzano l’energia e le risorse. Ricostruire biodiversità porta abbondanza sostenibile e permanente e crea un sistema stabile, fertile e produttivo.

Ripartiamo da qui: biodiversifichiamoci!

parole sostenibilita francesca cappellaro

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi contribuire inviando il tuo articolo clicca qui

CONDIVIDI
Articolo precedenteCon PietrAngolare lo scarto diventa bellezza
Articolo successivoCome essere genitori permaculturali
Francesca Cappellaro, ricercatrice e ingegnere ambientale. Dal 2000 si occupa di progetti di sostenibilità, eco-innovazione delle imprese, economia circolare, tecniche e metodi collaborativi per la transizione sostenibile. Membro di Transition Italia e del movimento delle Transition Towns, contribuisce attivamente all'iniziativa locale San Lazzaro in Transizione, SLIT. Collabora con l'Università di Bologna come co-fondatrice dell'iniziativa Terracini in Transizione. Dal 2013 cura la rubrica Transizione e Resilienza per la rivista Vivere Sostenibile.

NESSUN COMMENTO