Un Transition Talk a Siracusa. Intervista a Cristiano Bottone di Transition Italia

In occasione del Transition Talk che si terrà Il 15 aprile a Siracusa abbiamo intervistato Cristiano Bottone di Transition Italia, il nodo italiano del movimento delle Transition Town fondato da Rob Hopkins.

0
649
Cristiano Bottone Transiton durante un TEDx a Bologna
Cristiano Bottone, co-fondatore di Transition Italia durante un TEDx a Bologna

Si terrà un tTalk a Siracusa il 15 Aprille alle 17:30 nel bike café Movimentocentrale. L’evento è organizzato con l’aiuto di Impact Hub Siracusa. Ne parliamo con Cristiano Bottone co-fondatore di Transition Italia, il nodo italiano del movimento delle Transition Town, per saperne di più.

Ciao Cristiano, mi ha incuriosito il termine tTalk, potresti spiegarci di cosa si tratta?

I tTalk o Transition Talk sono pratica comune del Movimento di Transizione e ne facciamo spesso di varia natura in giro per l’Italia. È un incontro che ha lo scopo di fornire una prima generale introduzione al movimento di Transizione: com’è nato, come si è evoluto a che punto siamo oggi nel mondo e in Italia, come eventualmente decidere di unirsi a questo esperimento.

Quindi anche a Siracusa replicherai il format standard di un tTalk?
Nella caso dell’incontro di Siracusa, nella prima parte prenderemo spunto dal recente per capire come mai il “mondo industrializzato” è entrato in una serie di crisi così profonde e quali sono le cause reali di questa situazione. Raramente abbiamo occasione di avere una spiegazione completa e sistemica di quanto sta accadendo e solo dopo aver elaborato queste informazioni si possono capire meglio le idee e le metodologie adottate dalla Transizione.
E cosa succederà nella seconda parte?

Nella seconda parte dell’incontro proveremo invece a vedere quali possibili risposte sono state finora immaginate e sperimentate, cosa sembra funzionare, cosa no. Qui le sorprese sono davvero tante, perché si scopre che moltissime delle “buone pratiche” che sembrano “soluzioni” possono essere vere e proprie trappole in cui continuiamo a cadere come se fossimo incapaci di imparare dagli errori del passato.

Vuoi dire che l’esperimento della Transizione è una di queste “soluzioni”?

Gli esperimenti nel contesto della Transizione sembrano dimostrare che di strumenti efficaci, invece, ne abbiamo tanti e se utilizzati correttamente sembrano produrre risultati davvero insperati. Ancora è difficile avere certezze assolute, ma certamente ci sono molte ragioni per trovare coraggio, motivazione e mettersi in gioco, come singoli e come comunità, come si sta già facendo in migliaia di luoghi, dal Brasile al Giappone, dalla Svezia a Siracusa…

Nel blog di Transition Italia definisci il luogo dell’incontro un posto molto cool. Lo sai che oltre a Ortigia, il centro storico di Siracusa, c’è il polo petrolchimico più grande d’Italia?

Ci sono già stato, Siracusa è un posto bellissimo e anche un po’ terribile con quella raffineria infinita a due passi…

Per il blog di Cristiano  Bottone clicca qui 

Per scaricare la locandina del tTalk a Siracusa clicca qui

Transition Town Siracusa
Locandina del tTalk del 15 Aprile a Siracusa per capire la proposta delle città in transizione
Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi contribuire inviando il tuo articolo clicca qui

CONDIVIDI
Articolo precedenteJulie Brown, produzione di cibo & fair share
Articolo successivoUn approccio permaculturale all’istruzione
Nel bel mezzo della sua sfavillante carriera manageriale all'estero, fatta di viaggi in business class e meeting internazionali per conto di una delle peggiori multinazionali che l'umanità abbia mai potuto produrre, Marco scopre la Permacultura, se ne innamora, lascia il suo lavoro e decide cominciare la sua transizione interiore. Nel suo nuovo viaggio incontra tante persone stupende fra le quali Aranya, che gli insegna la Permacultura e gli dà una bella certificazione, poi Dave col quale impara la Permacultura urbana in una città dedita all'alienazione e al consumismo sfrenato, poi Naresh col quale intrattiene delle lunghe conversazioni sulla Transizione e dulcis in fundo Flavio col quale ride tanto e si inventa un modo sostenibile di fare impresa. Il suo sogno è quello di diventare un insegnante di Permacultura e di trasformare il suo Paese d'origine in un paradiso tanto da riguadagnarsi l'appellativo di Bel...Paese! Che cosa gli succederà in futuro nessuno lo sa, chissà quante altre meravigliose creature incontrerà. Frattanto lasciatelo sognare e progettare. E di tanto in tanto date un'occhiata agli articoli che pubblicherà!

NESSUN COMMENTO