Perma-cenone di capodanno 2017, gratis!

Anche quest'anno il meglio della permacultura italiana si riunisce per celebrare il capodanno. E come sempre siete tutti invitati.

0
406
Particolare del buffet di capodanno 2015 organizzato dalla WAAIP&TMI – World Association Accademio Istituta della Permacultura & Transizione Mediterranea Italiana

La fine del 2016 è prossima e, come da tradizione, anche quest’anno la WAAIP&TMI – World Association Accademio Istituta della Permacultura & Transizione Mediterranea Italiana ti invita a partecipare al perma-cenone di capodanno con tutto il meglio della permacultura de ‘noantri!

permacultura cenone 2017
Il cenone, frugivoro-vegano-fruttariano, sarà servito nel tradizionale bender autocostruito storto, da camerieri barbuti ed esangui di entrambi i sessi, che vi abbracceranno troppo spesso e vi vorranno bene senza motivo: people care.

Il menu equo e solidale prevede:

Antipasto – Pacciamatura mista
Primo – Lasagna garden
Secondo – Leguminose a spaglio
Contorni – Spirali di erbe

Dessert – Panettone solidale del Lidl (botta di vita).
Solo su richiesta – Caffè alla Lawton a soli 699,00 euro.

Vino: per così dire.

Al termine della serata, festa danzante con l’Orchestra “Un Posto al Suolo
L’esecuzione dei pezzi avverrà in modalità crowdfunding con raccolta fondi preliminare all’esecuzione di ogni singola canzone, altrimenti ciccia: fair share.

cenone permacultura
Momento della “mise en place” della sala che ospiterà il Perma-cenone di capodanno 2017

Rimborsi (Abbiamo scritto che il cenone era gratis per farvi leggere il post):

Il rimborso spese per la partecipazione è di 50 euro a persona, previo tesseramento all’associazione FACFinta Associazione di Comodo” con la seguente gradualità:

  • 50 euro se occupati (un po’ come i cessi – battuta anticapitalista)
  • 30 se disoccupati
  • 20 se alla canna del gas
  • 10 se taccagni libertari che esigono tutto gratis quando a lavorare sono gli altri.
  • 100 euro per quei permacapitalisti di Marco Matera e Flavio Troisi.

Possibilità di baratto permaculturale per chi ha conservato la spazzatura tutto l’anno e la vuole scaricare a un docente di permacultura in cambio di formazione di un certo livello.

Dress Code, pantaloni alla zuava e sandali.

Gradita igiene così così.
RSVP e buon anno!
PS. I botti sono vietati, spaventano i lombrichi: earth care.

Per iscrizioni e prenotazioni compilare modulo qui:
https://goo.gl/forms/WNHvoHGuxDkPzaeF2

 

PS. Cene e celie a parte, Permacultura & Transizione ti augura un fantastico anno nuovo. Continua a seguirci, il 2017 porterà grandi novità!

CONDIVIDI
Articolo precedentePiantare alberi da futto – parte 3 – Quali portainnesti?
Articolo successivoLa rivoluzione di Francesco e i grani autoctoni siciliani
Progettista di giardini sostenibili il cui design è ispirato ai principi del non fare, non dire, non respirare, April Fish ha conosciuto la Permacultura dopo aver letto tutti i libri di Emilio Salgari. Si occupa di progetti di community building sui quali ha scritto il libro "REsilience, REspect, RElax!" ed è co-facilitatore delle reti LETS nel Regno Unito. Dopo aver curato per anni il suo blog Grow.Eat.Burp, attualmente collabora attivamente col magazine Permacultura & Transizione.

NESSUN COMMENTO